NOVITA'

TAGLIERINA BRUMAT mod TS46 Ce

PER LABORATORI DI PROVA E CAMPIONAMENTO MATERIALI

ROCCE,GRANITO...VETRO,GRAZIE ALLA TECNOLOGIA INVERTER

>> VAI AL CATALOGO <<

 

 

CORSI DI LAVORAZIONI MECCANICHE
tornitura, fresatura, foratura, ecc.

: lezioni teoriche e dimostrazioni pratiche sulla scelta dell'utensile, velocità di lavorazione, lubrificazione ecc. al fine di ottimizzare la qualità e la tempistica delle lavorazioni
Archivio
Maggio 2014 - Aprile 2014 - Marzo 2014 - Febbraio 2014 - Gennaio 2014 - Dicembre 2013 - Novembre 2013 - Ottobre 2013 - Settembre 2013 - Agosto 2013 - Luglio 2013 - Giugno 2013 - Maggio 2013 - Aprile 2013 - Marzo 2013 - Febbraio 2013 - Gennaio 2013 - Dicembre 2012 - Novembre 2012 - Ottobre 2012 - Settembre 2012 - Agosto 2012 - Luglio 2012 - Giugno 2012 - Maggio 2012 -

Dispositivi anticaduta retrattili

Tra i tantissimi DPI in uso oggi, che caratteristiche hanno i dispositivi anticaduta retrattili?

Si tratta di particolari dispositivi anticaduta di collegamento, tra un punto fisso e l’imbracatura
Il dispositivo anticaduta è caratterizzato da due peculiarità: lunghezza variabile e funzione autobloccante, che permettono all’operatore grande mobilità e che lo rendono più versatile rispetto ai tradizionali dispositivi anticaduta.
Questi DPI hanno la funzione principale di sostenere il corpo dell’operatore e di trattenerlo durante una eventuale caduta. L’operarore può compiere spostamenti durante le fasi di lavoro ma i dispositivi anticaduta retrattili intervengono modificando automaticamente la lunghezza del cordino e bloccando ogni movimento che superi la velocità di 1,5 m/sec.
La funzione di blocco è generalmente supportata da un dispositivo di dissipazione dell’energia che limitando l’azione frenante ad un valore inferiore a 6Kn” evita che i dispositivi anticaduta diventi un pericolo per la sicurezza dell’operatore.
L’adozione di questi DPI deve essere attentamente valutata dal responsabile della sicurezza tendo conto di vantaggi e svantaggi che offrono i dispositivi anticaduta  soprattutto in funzione della tipologia della zona di lavoro per evitare il possibile effetto pendolo.
Riassumendo vantaggi e svantaggi :
- come già detto l’ampia possibilità di movimento dell’operatore senza necessità di alcuna regolazione
- consentono un lento scivolamento verso il basso ma arrestano l’operatore solo in caso di caduta nel vuoto
- i dispositivi anticaduta retrattili possono risultare pesanti  anche oltre 6 Kg, e a volte non essere sopportati da alcuni dispositivi flessibili.





+39 022-565461 brumati_r@libero.it

10/06/2013



Vedi anche 10/09/2012 Dispositivi anticaduta: panoramica su tipologie e norme Tutto ciò chedovete sapere sui dispositivi anticaduta. Ecco la classificazione delle varie tipologie dei dispositivi anticaduta
10/01/2014 Dispositivi anticaduta: regole comuni a tutti i modelli La formazione all’uso dei dispositivi anticaduta deve avere una durata minima di 1 giorno. Il datore di lavoro responsabile della sicurezza sul lavoro deve accertarsi che l’istruzione sui dispositivi anticaduta sia esaustiva in relazione al tipo di lavoro.
10/03/2013 Dispositivi anticaduta: più chiarezza nelle disposizioni I dispositivi anticaduta sono indispensabili strumenti per limitare il rischio infortuni nei lavori in quota
10/12/2012 Dispositivi anticaduta: quando è necessario il loro utilizzo I dispositivi anticaduta sono degli ottimi strumenti per evitare i rischi legati ad alcune professioni. Le grandi aziende costruttrici garantiscono i propri dispositivi anticaduta, aderenti alle normative di riferimento
10/04/2014 Abbigliamento da lavoro per evitare le cadute libere Abbigliamento da lavoro marchiato CE: i DPI che proteggono dalle cadute libere per professionisti in quota.

I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.